03-12-2010

Parole d'Acqua, da Kitui a Roma

Si sono tenuti il 24 e il 25 Novembre presso il Museo di Roma in Trastevere gli incontri con i docenti di scuole elementari e medie della città, nell'ambito del progetto "Parole d'Acqua, da Kitui a Roma".

Due momenti di incontro per parlare di acqua e delle donne come protagoniste di cambiamento nelle comunità africane e in Italia. Questi i temi al centro del percorso promosso da AMREF e da Comune di Roma - Assessorato alle Politiche Educative con il supporto dell'Assessorato alla Cooperazione Internazionale.

A partire dal lavoro sul campo di AMREF, nella regione di Kitui in Kenya, dove la nostra Organizzazione interviene per rafforzare il ruolo della figura femminile nella gestione delle risorse idriche e all'interno delle comunità locali, il percorso si è snodato attraverso i racconti di cinque donne provenienti da diversi paesi del continente africano e attualmente residenti nella città di Roma. Racconti legati ai ricordi dell'infanzia in Africa, dell'acqua come problema, ma anche come risorsa preziosa e imprescindibile, legata al gioco, a momenti di affetto e condivisione. Beata Uwase, di origini rwandesi, e Gemma Vecchio, proveniente dall'Etiopia, hanno presenziato agli incontri aperti ai docenti per testimoniare l'importanza dell'acqua e l'invito a riscoprirne il valore tra le giovani generazioni in Italia, anche a partire da un confronto interculturale anche a scuola.

Tutte le testimonianze sono raccolte nella pubblicazione "Acqua - femminile/singolare", curata da Gianguido Palumbo, mentre le proposte didattiche per la classe sono contenute nel kit educativo "Parole d'Acqua". I materiali sono stati distribuiti ai docenti presenti agli incontri in rappresentanza di oltre 30 Istituti Scolastici della Città di Roma.

Per richiedere i materiali potete scrivere all'indirizzo e-mail scuole@amref.it.

AMREF attende ora i lavori e le riflessioni degli studenti italiani in risposta alle testimonianze raccolte e contenute nei kit.