05-09-2011

Un anno per un progetto: la nuova iniziativa di AMREF per le scuole superiori

Tra Marzo e Agosto 2011 la regione del Corno d'Africa, di cui il Kenya fa parte, è stata colpita da condizioni di siccità tali da dichiarare lo stato di emergenza. AMREF ha così deciso di proporre alle scuole superiori italiane per il prossimo anno scolastico un nuovo progetto di solidarietà e approfondimento.

Con la proposta "Un anno per un progetto" abbiamo l'obiettivo di avvicinare le classi partecipanti alla realtà keniota e al vissuto delle comunità con cui AMREF lavora, incoraggiando il sostegno ai programmi promossi dall'Organizzazione nelle aree di intervento.

Scegliendo un progetto (la costruzione di un pozzo, di una cisterna o di servizi igienici) e assicurandone la realizzazione attraverso una raccolta fondi di un anno, le scuole superiori italiane potranno approfondire la conoscenza del mondo della cooperazione e del volontariato e contribuire concretamente nel rispondere all'emergenza siccità nel Corno d'Africa.

E' possibile aderire al programma contattando AMREF all'indirizzo scuole@amref.it o al numero 02.54107566.

Scarica il comunicato dettagliato del progetto!

COME STIAMO INTERVENENDO

Erik Kariuki è project-manager di AMREF in Kenya e si occupa di progetti idrici e sanitari nei distretti sulla costa del paese. Erik ci scrive che AMREF sta affrontando l’emergenza collaborando insieme al Ministero della Salute e a quello dell’Agricoltura, ad altre Organizzazioni non Governative e agenzie umanitarie presenti sul territorio. AMREF in particolare si sta occupando dell’aspetto sanitario e idrico dell’emergenza, istruendo le comunità su cosa fare per cercare di evitare la diffusione di infezioni e malattie dovute all’utilizzo di acqua non potabile e  incrementando l’opera di costruzione di cisterne e pozzi sotterranei nelle scuole e nei villaggi. Queste operazioni sono importantissime per garantire la conservazione dell’acqua rimasta e di quella che arriverà. Nei distretti costieri di Malindi e di Bamba alcuni villaggi stanno sopravvivendo grazie a 30 pozzi costruiti negli ultimi anni da AMREF insieme alle comunità locali. Ogni sforzo per implementare i progetti idrici e sanitari rappresenta in questo momento un aiuto concreto per contrastare l’emergenza odierna e futura in Kenya, uno dei paesi con più alto rischio siccità nel mondo.