25-03-2016

Uniti per il diritto alla salute, da Broni a Jilore!

Grande festa, lunedì 21 marzo, al teatro Carbonetti di Broni: in un’atmosfera gioiosa e coinvolgente, si sono alternati sul palco tutti gli studenti impegnati nel progetto di gemellaggio con le scuole del Kenya.

Gli studenti della scuola d’infanzia Andersen, le classi 2A, 2 B, 4 B, 5 A e B della Scuola Primaria di via Emilia, le classi seconde della scuola secondaria di primo grado Contardo Ferrini, le classi seconde del liceo scientifico Faravelli di Broni e gli alunni dell’Istituto Faravelli di Stradella hanno animato la giornata presentando gli originali lavori realizzati nell’ambito del gemellaggio.

I lavori saranno prima esposti nella sala convegni di Villa Nuova Italia di Broni, dal 30 marzo al 6 aprile, poi inviati in Kenya alla Jilore Primary School, per lo scambio con  gli alunni kenioti, impegnati a loro volta nel progetto.

Tutto questo non si sarebbe potuto realizzare senza l’impegno, l’entusiasmo e la tenacia delle volontarie del gruppo locale di AMREF  che, in collaborazione con il Comune di Broni, hanno organizzato questo evento coinvolgendo, ancora una volta, insegnanti e alunni nei progetti educativi di AMREF.

Questa la testimonianza di Alessandra Panzera di AMREF che ha partecipato all’evento" Dopo un anno scolastico fatto di comunicazioni "formali" ma essenziali sul progetto con le insegnanti e con le volontarie del gruppo locale, finalmente è arrivato il turno dei veri protagonisti del gemellaggio: gli studenti! Salire sul palco del teatro per esporre i frutti del loro impegno li ha resi il vero centro della manifestazione, non solo per gli insegnanti, orgogliosi del percorso svolto insieme, ma anche per gli studenti presenti in sala, che hanno seguito le diverse presentazioni con partecipazione ed interesse. Ogni lavoro ha aggiunto un punto di vista differente al progetto:  dai bambini più piccoli agli studenti delle scuole superiori, la tematica salute è stata declinata, nella loro realtà quotidiana, con sensibilità e intelligenza, affrontando anche questioni critiche come lo spreco alimentare e il gioco d'azzardo, in quanto lesive del benessere della società e, di conseguenza, del benessere del singolo cittadino. Forte è il collegamento tra tutte le presentazioni: la salute è un diritto di tutti e gli studenti italiani sono pronti a promuoverlo e tutelarlo insieme ai coetanei kenioti!"

Concludiamo con le parole delle maestre e dei bambini della Scuola Primaria De Amicis che testimoniano la sensibilità e lo spirito di condivisione con cui hanno partecipato al progetto.

Pubblichiamo di seguito le foto dell'evento.